Strutture che offrono alloggi ospitalità ed accoglienza in Italia quali Istituti Religiosi,

Alberghi, camere Bed and Breakfast e Case per ferie.

Prenotazione online in tempo reale di Hotel, Alberghi, Appartamenti e Residence.

Itinerari di Turismo Religioso in tutta Italia.

                                

Italian English

Home

 

Prenotazioni in Tempo Reale

       

Alloggi Roma

Luoghi di Culto

Destinazioni Mariane

Destinazioni Cristiane

Destinazioni Bibliche

Vacanze & Relax

  Ricerca libera

Libreria Cattolica

 

  Prenota Roma

  Ricerca sistemazione

 

Abruzzo

Basilicata

Calabria

Campania

Emilia Romagna

Friuli Venezia Giulia

Lazio

Liguria

Lombardia

Marche

Molise

Piemonte

Puglia

Sardegna

Sicilia

Toscana

Trentino Alto Adige

Umbria

Valle d'Aosta

Veneto

 

Itinerari & Eventi

FAQ Prenotazioni

Contatti

      

    

  

  

 

Pellegrinaggi Medjugorje

Riceviamo e pubblichiamo il racconto di Antonino.

 

Ciao a tutti voi.

Ringrazio la Mamma per avermi unito a voi, mi chiamo Antonino ho 29 anni, sono sposato con Rachele ed ho 2 bellissimi bambini. Ho sempre vissuto nell'ombra alla ricerca di una luce.Una luce che di tanto in tanto trovavo da solo,ma era luce artificiale.Sono sposato da 8 anni,ho sempre tradito mia moglie,non sono mai andato alla S.Messa,non mi sono mai confessato (tranne la prima comunione) mai pregato. Bestemmiavo,uscivo sempre da solo,non avevo dialogo con la mia famiglia sino a quando arrivai al punto di lasciare mia moglie (per un'altra) e in preda al cattivo un giorno, dopo le mie solite bestemmie,rinnegai ad alta voce il nostro signore. Iniziai a non tornare a casa la sera,lasciando mia moglie e i bimbi da soli. Davanti ai miei occhi era tutto bello.

 

Mia moglie iniziò a pregare per me,chiese aiuto anche al nostro carissimo parroco Don Lao di volta in volta Don Lao veniva da me per parlarmi,ma io lo ridevo in faccia e lui consapevole della mia indifferenza mi disse che lui pregava per me. un giorno tra me e me dissi:perchè non vai sotto una macchina,ma che vieni a fare? Insomma ero in preda al cattivo. Io Don Lao lo amavo,perchè quelle parole?un giorno mia moglie mi chiese se potevo tenere i bimbi per una settimana,lei doveva andare a fare un viaggio a Medjugorje.io le risposi :vai pure che cosa vuoi da me,pensando che questo Medjugorje fosse un posto di villeggiatura (non avevo mai sentito parlare di quel posto)

 

Al suo ritorno è iniziato il mio cammino.

Dopo 2 sere sogno Don Lao che mi aspettava in fondo alla chiesa mentre recitava il rosario e dopo qualche giorno ,un sabato pomeriggio,non so perchè ma andai in chiesa, trovai lui in fondo che recitava il rosario,mi avvicinai e iniziai a piangere, intanto mia moglie era cambiata,aveva uno spirito nuovo,una luce,una gioia, mi chiedevo il perchè, poi feci un'altro sogno:mi trovavo in uno stradone e inseguivo un bimbo di nome Raffaele, il bimbo mi condusse in una chiesa,entrai ma lui non c'era più, allora entrai in una cappellina sotterranea dove c'erano dei frati seduti a cerchio vestiti di bianco che pregavano il rosario e chiesi del bimbo, solo uno si voltò e con un cenno mi disse di non averlo visto.

Uscii dalla chiesa mi incamminai e mi ritrovai nel lato di un'altra chiesa, un posto pieno di gente notai subito alla mia sinistra tante candele accese,davanti invece un'aiuola piena d'acqua con gente in ginocchio che pregava e piangeva,chiesi cosa fosse quell'acqua e un signore mi disse che erano lacrime poi mi ritrovai su un burrone,in alto c'era un grosso masso che stava per rotolare,dall'altra parte del burrone persone che volevano attraversarlo e un signore che mi stava vicino mi disse:fermalo! Basta pronunciare la parola ferma e il masso si fermerà, e così fù.

 

Dopo mi ritrovai dall'altra parte della chiesa che discutevo con mia moglie poi da una porta della chiesa uscì mia figlia dicendomi:basta papà, smettila mi sono scocciata,andiamo a casa ed io così feci e qui finì il sogno.

Passavano i giorni io continuavo a tradire mia moglie,però stavo male, volevo essere aiutato e decisi di andare a Medjugorje con lei ma nello stesso momento avevo paura di non trovare aiuto lì,di non avere le mie risposte, dovevamo andarci il 3 settembre,poi invece siamo andati dal 27 fino al 2 ottobre.

 

Il primo giorno è stato bruttissimo,sono andato via dalla messa quasi bestemmiando,volevo andare via,disprezzavo i pellegrini che pregavano ma mia moglie mi convinse a confessarmi, ed ecco che mi calmai, mi portarono a fare il giro della parrocchia ed ecco che vidi le candele accese,  l'aiuola con la madonna con gente che pregava, iniziai ad avere i primi riscontri.

Il giorno dopo andammo da padre Jozo, amici miei lì mi sono convertito! Ho sentito il calore della mamma, il suo amore e piansi, andammo sul Podbrdo, fratelli miei iniziai a dire il rosario (mai detto in vita mia) e lì in cima... il mio burrone!!

A questo punto volevo sapere spiegazioni, chi era il bimbo del sogno? Dopo una messa chiesi ad un signore spiegazioni su S.Raffaele,ecco la risposta!E' mia figlia Noemi?

 

L'ultimo giorno andammo alla messa in italiano..la parrocchia affollatissima quando il parroco disse di scambiarci un segno di pace,ecco che dopo aver dato la pace alle persone vicine,mi sento tirare la maglia, mi giro,era una bambina che mi dava la pace, la seguii con lo sguardo per vedere da dove venisse,stava dall'altra parte dove c'era la statua della Mamma.

L'ultimo giorno andammo all'apparizione del 2 al cenacolo, fratelli miei che emozione,ho sentito tutto il calore di nostra madre,tutta la pace che infonde su di noi,il suo amore per i suoi figli, ho conosciuto l'amore del Signore e da quel giorno fratelli miei tutto è cambiato.

I miei occhi guardano la vita con la luce dell'amore,i miei rosari con mia moglie sono uniti e offerti per gli altri,i nostri digiuni sono sazi di gioia,le nostre confessioni ci purificano l'anima, la S. Messa un richiamo alla casa e l'Eucarestia l'amore e il ringraziamento a nostro Signore.

Fratelli miei vi amo tutti,non smetterò mai di ringraziare la nostra Mamma per avermi fatto conoscere il suo amore divino.

Grazie a tutti. Antonino